Input your search keywords and press Enter.

Mutuo prima casa, agevolazioni e oneri per l’acquisto

Quali agevolazioni comporta il mutuo per l’acquisto della prima casa e quali sono i vincoli legati ad esso

Il muto per l’acquisto della prima casa è soggetto a numerose agevolazioni economiche per il richiedente, ma anche ad alcuni obblighi legislativi da non trascurare, ecco quindi tutti i dettagli da conoscere prima della sottoscrizione

Il mutuo prima casa, tutti i dettagli per la richiesta e l’emissione

Quando si acquista una casa per la prima volta è possibile richiedere un mutuo bancario a condizioni agevolate e si ha diritto a tariffe migliori rispetto ad altri finanziamenti, ma occorre essere ben preparati per conoscere tutti i benefici e tutti gli obblighi annessi.

Per ricevere un mutuo occorre rivolgersi ad un istituto di credito dopo aver verificato le condizioni più vantaggiose, non tutti infatti applicano gli stessi tassi di interesse e finanziano gli stessi importi, e una volta scelta la banca a cui richiedere il finanziamento bisogna presentare una documentazione accurata per ricevere le agevolazioni alle quali si ha diritto.

Per quanto riguarda i benefici spettanti sono gli stessi per tutti stabiliti dalla legge: è previsto il pagamento dell’imposta di registro nella misura ridotta del 2%, invece che del 9%, inoltre, l’IVA, se la transazione ne è soggetta, sarà fissata al 4% invece che al 10% mentre le imposte ipotecarie e catastale sono fissate nella quota di 200€ invece che del 2% e dell’1% del valore catastale dell’immobile.

Per ottenere le agevolazioni, però, ci sono degli obblighi da adempiere da parte del richiedente, che dovrà infatti risiedere nel Comune in cui si trova l’immobile stesso e dovrà impegnarsi a trasferirvi la residenza entro i successivi 18 mesi. Il mancato trasferimento della residenza comporterà la perdita dei benefici ottenuti e il pagamento delle conseguenti penali.

Inoltre va ricordato che i benefici ottenuti si perdono anche nel caso in cui l’acquirente venda o doni l’abitazione prima che siano passati almeno 5 anni dalla data di acquisto senza procedere al riacquisto di un nuovo immobile da adibire a residenza.

E per chi ha già stipulato un mutuo e ha invece bisogno di rinnovare la sua rata e diminuire il costo mensile? In questo caso si può procedere ad una surroga, clicca qui per saperne di più.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *